.
Annunci online

 
SardegnaNonConforme 
Blog non conforme
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Simone Spiga
Acque Sociali
Fronte Identitario Sardegna
Alain De Benoist
Musica Alternativa
Novopress
Peggio Soru
Polaris
Braccio Destro - Ag Alghero
Mutuo Sociale
2punto11
Casa d'Italia
Spazio Cervantes
Foro 753
Il Nazionalista
NoReporter
Comitato 10 Febbraio
  cerca

 

 






 



 



 




 

Diario | Presentazione del progetto | Musica Alternativa | Kultur Camp | Libri in vendita | gadget in vendita |
 
Diario
1visite.

24 novembre 2009

Mercoledì sera in diretta su I Wanna Rock

11 luglio 2008

LA GIOVANE DESTRA IDENTITARIA ESPRIME SOLIDARIETA’ AD AZIONE GIOVANI PALERMO



“Dopo aver appreso dagli organi di stampa del vile attacco vandalico perpetrato, nei giorni scorsi, ai danni della sede di Azione Giovani Palermo, non potevamo non esprimere la nostra piena ed incondizionata solidarietà ai dirigenti e ai militanti della comunità palermitana di AG.”
Con queste parole, inizia la breve nota stampa unitaria diramata da Alessandro Amorese (Massa – www.alessandroamorese.splinder.com), componente dell’Esecutivo Nazionale di Azione Giovani, e da Daniele Caroleo (Crotone – www.danielecaroleo.identitario.org) e Simone Spiga (Cagliari – www.simonespiga.tk), entrambi Dirigenti Nazionali di AG, dopo il recente atto di devastazione della sede di Azione Giovani in Via Paolo Paternostro a Palermo.
“Condanniamo fermamente – proseguono i giovani dirigenti di AN, promotori, tra gli altri, del progetto di Identitario.org (www.identitario.org) – questo tipo di azioni totalmente deprecabili e deplorevoli. Una certa sinistra, ottusa ed intollerante, vorrebbe riportare il nostro paese al clima violento degli anni settanta. Più volte il nostro ambiente ha lanciato segnali d’allarme in tal senso, affinché le istituzioni e gli organismi preposti, prendessero le dovute precauzioni.”
“Auspichiamo, di conseguenza, - concludono Amorese, Spiga e Caroleo - che questo sia davvero l’ultimo di una serie incredibile di azioni di intolleranza e di violenza nei confronti del nostro ambiente umano e politico. Il dibattito politico non può e non deve assolutamente sfociare in inutile violenza ed in scontro fisico.”

30 giugno 2007

AZIONE GIOVANI: MASSIMA SOLIDARIETA’ ALLA COMUNITA’ DI AG FIRENZE!

 Dopo aver appreso dagli organi di stampa dell’attentato incendiario perpetrato ai danni della sede di Azione Giovani e di Alleanza Nazionale di Firenze, in una nota congiunta, Carlo Fidanza (Milano), Vicepresidente nazionale di Azione Giovani, Alessandro Amorese (Massa), componente dell’Esecutivo Nazionale di AG, Daniele Caroleo (Crotone) e Simone Spiga (Cagliari), entrambi appartenenti alla Direzione Nazionale di Azione Giovani, hanno deciso di esprimere piena solidarietà alla comunità militante fiorentina.
“Abbiamo appreso a malincuore – dichiarano all’unisono gli esponenti del movimento giovanile di Alleanza Nazionale – di questo ennesimo attentato svoltosi nella notte tra il 27 e il 28 giugno ai danni della sede di Azione Giovani di Firenze. Rimaniamo sconcertati di fronte a simili atti. Ci risulta essere già il terzo attentato intimidatorio contro questa comunità e contro i suoi militanti.”
“Auspichiamo – continuano i dirigenti di Azione Giovani - una presa di posizione forte da parte delle istituzioni preposte, affinché si possa far luce al più presto su queste vergognose azioni perpetrata da gente vigliacca e senza scrupoli che vorrebbe, a quanto pare, tornare a far rivivere i dolorosi e sanguinosi anni ’70, mettendo a repentaglio la vita e l’incolumità di giovani militanti appartenenti al nostro movimento.”
“Con questa breve nota stampa – concludono Fidanza, Amorese, Caroleo e Spiga - intendiamo esprimere, innanzitutto, la nostra piena solidarietà e la nostra vicinanza al Presidente di Azione Giovani di Firenze, Francesco Torselli, e ai suoi militanti, invitandoli a non mollare, così come hanno fatto in passato tutte le nostre comunità colpite da atti intimidatori, e ad andare avanti per la loro strada, senza indietreggiare di un centimetro, in nome e per conto della militanza politica basata sul confronto dialettico e non sulla violenza.”.

sfoglia
ottobre        dicembre